“A Raimondo – o quando la ruga pensa a progetti semplici – “

3828205428960

 

 

 

 

 

Caro Raimondo

Ora sterzi
nei giri veloce
dove l’altra età e l’artrite
giocano i loro assi e rubano mazzetto.

Si mette nella febbre il tempo
Respirando dentro – lo senti –
Diaframmatico prendere e lasciare
l’aria che avanza corta.

Ti allunghi e ti dai tempo
nel dormire di fretta e crescere domani.

La bianca attesa, non svigna da te.
Non è biancore come quando svieni
o t’innamori. E’ un silenzio tutto addosso.

Il contrario della sarabanda – è più di un respiro –                                                                         si carica tutto su un polmone
abbraccia stretto quasi come nel partire
stringe il gozzo e smette le parole.

Ovunque tu guardi si vede che cerchi – l’Atteso –
non è mancanza
ma pienezza di presenza.
Non è un’attesa ma è di più!
È un passare a tratti decisi.
E’ uno sguardo dentro e fuori l’aria
che dilata la vita come un sentiero che porta – di là –

Non girargli intorno.
Passa a un altro sguardo, che non cede,
e non allenta l’attesa.

Ed è lì e sii lì                                                                                                                                 nel dovunque                                                                                                                              tu voglia guardare                                                                                                                    ad attenderlo.

Carlo Colombo Calabria
16 Settembre 2014

E' solo una questione di condivisioneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento