…errante mente

Cattura40

errante mente

Da spazio a spazio
in un mosaico di passi intorno

alzai di nuovo a scavalcare
misure di sbalzi nordici

dileguando in rinfuse folle
inabissate in tristezze incise

conviene mollare la brezza
correndo slegati distanti dal nulla
controvoglia la vita eterna
rigirandola dall’avanzo di un passo

E davanti
stenta l’aria girandola di altri avanzi
lievi
scroscianti i sicomori incensano
i paradisi della sera

E muovono il selvaggio correndo
sulla pietra
foglie nere profumate
come la rosa
come la calca dell’ora cruciale
stretto silenzio
in due o tre secondi di eterno

si disfa l’aria del nulla
e impasta misteri e incanti
prima che sia l’ultimo cielo.

Carlo Colombo Calabria
(Luglio 2014)

E' solo una questione di condivisioneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento