(luglio può venire sottile da sud..)

Storia-di-una-matita MICHELE DIGNA

(immagine: storia di una matita – Michele D’ignazio)

(luglio può venire sottile da sud…)

Come sorridi
infinito filo di letizia
leggero mattino
– sulle labbra solo con me –

Ai margini della febbre
e il fiato sfila il canto anche solo così
dalla parola spersa sospesa.

Arriviamo in fondo ormai, oramai
io che sono veleno di stranezza

– bolero in posizione di partenza – (eroe, eroe)
giannizzero dei passati inclini
alla rivoluzione dei giudizi – padre diverso –

mi sorridi ancora
a giacente risolino femmineo
ebbrezza di tristezza alzando l’aria di fuoco

mi bruci

e nella tirannia lieve si fa sera
nei parapiglia delle ciglia
e nel fitto del mare
ti vengo in contro negli occhi
lucidi di addii

Sorprendenti di tremore le foglie
girano l’autunno in altri rami
passeri freschi senza di noi liberi

qui sorridimi ora come uno volo
che già fischia la vita nell’aria
qui quel che sia
l’ultimo sciame di te.

carlo colombo calabria
(luglio può venire sottile da sud..)

E' solo una questione di condivisioneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento