” Zagarella “

“ Zagarella ” La mia gatta odorava il sole Il sole si spalmava sulla sua lingua E, per questo, nella striscia ombrata sonnambulava E’ un tale paradiso Aveva le ciglia strette di sonno – intorpidire – Il suo piacere infilarsi nel buio immacolato – adagiandosi – Carlo Colombo Calabria E' …

E' solo una questione di condivisioneShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin